Ricette Invernali

Lasagne vegane di pane carasau con ragù di lenticchie

Vegan

- 300 g di lenticchie già cotte

- una carota

- un sedano 

-1/4 di cipolla bianca

- un litro di passata di pomodoro

- un pizzico di zucchero di canna

- mezzo bicchiere vino bianco

- un bicchiere brodo vegetale o un bicchiere d’acqua

- 200 g pane carasau

Per la besciamella:

- 500 ml latte di riso (o altro vegetale non zuccherato)

- 40 g farina di riso

- 40 ml olio evo

- sale e pepe

- un pizzico noce moscata

Preparazione:

Iniziate preparando il ragù di lenticchie.

Dopo aver precedentemente cotto le lenticchie ( o se non avete tempo potete prendere quelle confezionate in un barattolo),  saltatele un paio di minuti  in padella dopo aver fatto sfrigolare cipolla, sedano e carota con dell’olio evo.

Fate sfumare con mezzo bicchiere di bianco.

Aggiungete la passata di pomodoro ed allungate con un bicchiere di brodo vegetale o anche con della semplice acqua.

Aggiustate di sale e pepe.

Aggiungete un pizzico di zucchero di canna, che è l’ingrediente “segreto” per togliere l’acidità al sugo di pomodoro. Potete utilizzare questo escamotage per qualsiasi sugo a base di pomodoro.

Lasciate cuocere per mezz’ora coprendo con un coperchio.

Per far ritirare maggiormanete il sugo, proseguite la cottura per altri 10 minuti senza coperchio.

Iniziate a preparate la besciamella vegetale.

In un pentolino versate l’olio extravergine e la farina.

Appena iniziano a formarsi le bollicine allungate con il latte vegetale gradualmente.

Proseguite la cottura portando a bollore la besciamella e mescolando lentamente per un altro paio di minuti.

Non vi preoccupate se la besciamella risulterà un pò lenta. Vi consentirà di non dover bagnare il pane casarau durante la cottura in forno.

Adesso potrete iniziare ad assemblare gli strati.

Prendete una teglia circa 20 x 30 cm e rivestitela con della carta da forno.

Versate un mestolo di besciamella ed uno di sugo di lenticchie. Se volete, per il sugo delle lenticchie potete anche frullarne una parte con il minipimer per dare più il senso di ”ragù di carne” se vi piace. A me personalmente, essendo ”vegana” non amo ricreare l’effetto carne. Comunque potete farlo tranquillamente.

Stendete uno strato di pane carasau, seguito da besciamella e ragù di lenticchie.

Procede in questo modo fino ad esaurimento degli ingredienti.

Dovreste ottenere circa 5 strati.

Terminate l’ultimo starto con maggiore besciamella a decorazione della superficie.

Infornate in forno statico a 180 gradi per 30 minuti.

Una volta sfornate, lasciatele intiepidire qualche minuto, poi tagliatele e servitele.

 

 

 

Lasagne vegane di pane carasau con ragù di lenticchie


Hamburger di zucchine, porro ed amaranto con zucca al forno.

Ricetta Vegan e Gluten Free

 

 

Ingredienti:

- una zucchina

- mezzo porro 

- 60 g di amaranto

- erbe 

250 g di zucca

- rosmarino

- timo

- finocchietto

- olio evo

- sale 

 

Procedimento:

Pulite la zucca e tagliatela a cubotti.

Versatela in una teglia ed aggiungete timo, finocchietto e un filo di olio extravergine d’oliva.

Aggiustate di sale e cuocete in forno preriscaldato per 30 minuti a 200 gradi.

Lessate l’amaranto in acqua poco salata come da indicazioni e tempi riportati sulla vostra confezione.

Nel frattempo mondate il porro, tagliatelo a rondelle. Lasciatelo sfrigolare in padella con un goccio di olio evo e saltatelo con la zucchina aggiungendo un pizzico di sale. Lasciate cuocere 6-7 minuti lasciando la zucchina al dente.

Una volta terminata la cottura dell’amaranto, scolatelo e ripassatelo un paio di minuti insieme al porro e alla zucchina. 

Fate raffreddare il tutto e aggiungete della farina di mais per dare la giusta consistenza che vi possa permettere di lavorare l’impasto per creare i vostri hamburger vegetali.

Aiutatevi con una coppa pasta per dare la giusta forma e ponete gli hamburger su una teglia rivestita con della carta da forno. Infornate a forno preriscaldato per 20 minuti a 180 gradi.

Servite insieme alla zucca.

Hamburger di zucchine, porro ed amaranto con zucca al forno.


Quinoa alle erbe, cipolla di Tropea, ceci, curcuma, spinacino fresco e noci.

Una Ricetta sana, gustosa, naturalmente Vegan e Gluten Free.

Da qualche tempo mio marito ha scoperto di esser diventato sensibile al glutine e questa è la prima ricetta che ho preparato per lui. In un primo momento appena ha scoperto quest’intolleranza si è chiesto cosa avrebbe potuto mangiare, dato che già era Vegan e che quindi oltre a carne, pesce, uova e latticini non avrebbe più mangiato anche il frumento e il glutine. Ha pertanto dovuto depennare altri alimenti ed aggiungere nella sua black list anche pasta, pane, pizza e biscotti.

Ho cercato subito di prendere la cosa con entusiasmo, tranquillizzandolo e rassicurandolo sul fatto che avremo trovato una soluzione insieme come sempre. Anzi, sarebbe stata un’opportunità per sperimentare, abbattere nuove barriere e scoprire nuovi sapori. In poche parole una nuova sfida da cogliere e affrontare con determinazione e meticolosità.

Inoltre di base la dieta vegana a cui noi siamo abituati da tempo era già di per se molto salutare. Avrei dovuto superare il livello successivo e trovare nuove formule e ricette per i suoi pasti che potessero essere originali, sane, fresche e soprattutto che lo rendessero felice senza farlo cadere nello sconforto di non poter mangiare più nulla. A questo punto avrei dovuto implementare nella nostra dispensa riso integrale, quinoa a vagonate e farina di mais e di riso come se piovesse. Avevo un nuovo nemico da affrontare: il Glutine. E come tutti i nemici per vincerli bisogna conoscerli. Ma ero certa che ce l’avrei fatta. Sarebbe stato ancora più complicato e faticoso fare cucine diverse per me, per mio marito e per i bimbi ma alla fine di ogni giornata sono sicura che mi sarei sentita soddisfatta.

A seguire riporto la mia prima ricetta Gluten Free.

 

Ricetta Vegan e Gluten Free

 

Ingredienti per 2:

 

- 80 g di quinoa

- un terzo di cipolla rossa

- timo 

- prezzemolo

- curcuma

- cumino 

- 300 g di ceci cotti

- 10 gherigli di noci

- una manciata di foglie fresche di spinacino

- sale

-olio extravergine d’oliva 

 

Procedimento:

Lessate la quinoa, coprendola in acqua leggermente salata e facendo assorbire l’acqua.

Dopo circa 15-20 minuti scolate la quinoa e tenetela a parte in un piatto di ceramica cosicchè raffreddandosi non prosegua la cottura.

Affettate la cipolla rossa a rondelle sottilli.

Fatela sfrigolare in padella con due cucchiai di olio extravergine d’oliva.

Aggiungete il timo, il prezzemolo, il cumino e la curcuma.

Unite i ceci lessati, se sono confezionati, sciacquateli precedentemente sotto l’acqua corrente.

Sminuzzate i gerigli di noce sminuzzati e saltateli insieme ai ceci.

A questo punto potete versare la quinoa in padella insieme agli altri ingredienti.

Prendete delle foglie fresche di spinacino, lavatele e strizzatele.

Unite le foglie e saltate il tutto in padella per un minuto.

Potete servire il piatto caldo o tenerlo da parte in frigo per poi portarlo per fare un pranzo completo fuori casa. Ideale per i pranzi frugali a lavoro soprattutto quando le alternative sono tramezzini e pizza.

 

Quinoa alle erbe, ceci, spinacino fresco e noci.


Tortino piccante di patate, cavolo nero e pane di segale

Ricetta Vegan

 

 

Ingredienti per due:

 

- 2 patate lesse

- 6 foglie di cavolo nero 

- una fetta di pane di segale

- aglio 

- olio evo

- peperoncino

- un cucchiaio di pan grattato

- pepe qb

- sale qb

 

Procedimento:

 

Lessate due patate grandi in acqua poco salata e schiacciatele lasciandole freddare in una ciotola.

Scottate con poca acqua o al vapore le foglie di cavolo nero.

Ripassatele successivamente il padella con aglio, olio e peperoncino.

Aggiungete il cavolo nero saltato nella ciotola con le patate schiacciate.

Unite le briciole di pane di segale. Aggiustate di sale e pepe.

Mischiate il composto e versatelo dentro dei pirottini di alluminio, che precedentemente avrete oliato all’interno e spolverato con del pangrattato.

Riempite tutti i pirottini e aggiungete ulteriore pangrattato.

Infornate a 180 gradi per 20 minuti finchè la superficie non risulterà croccante.

 


Polpettine vegetali ai semi misti oleosi di zucca, lino e girasole con contorno di cavoletti di Bruxelles e batata arancione

Non ho mai amato i prodotti vegan preconfezionati o precotti come polpettine o hamburger vegetali, perchè seppur privi di ingredienti di origine animale non si può dire che siano salutari e privi di conservanti. L'aspetto affascinanate di un’alimentazione 100% vegetale è che si può andare alla fonte dell’alimento, all’origine vera del cibo. Senza troppi passaggi che ne privano di ogni beneficio. Cucinando tante verdure, legumi e cereali, ci si ritrova sempre con qualche avanzo che può essere recuperato. Anzi deve esser recuperato e valorizzato solo da voi e dalla vostra abilità in cucina. Ci si può sbizzarrire creando polpettine e hamburger con le verdure già cotte che ci ritroviamo in frigo, mantenedo una componente di patata o legumi o cereali che possano fungere da base per legare il tutto. L’idea di queste polpettine, nasce dal desiderio di creare un piatto imprevedibile ma originale, povero ma sano, frutto della casualità di ciò che si trova in frigo, che giorno per giorno cambia e muta con le stagioni. E sarà la nostra creatività e il nostro estro ad arricchirlo riuscendo a coglierne le potenzialità. Bisogna iniziare a guardare le verdure avanzate non come degli scarti ma come una risorsa. Avremo così sempre pietanze diverse, originali, dai nuovi sapori che non ci stancheranno mai ma ci stimoleranno ogni volta a creare, arraggiandoci in cucina guidati dal nostro intuito. Andando a naso, col tempo, grazie all’entusiasmo e curiosità di sperimentare ad ogni pasto, potrete legare più ingredienti che vi consentiranno di migliorare la vostra dimistichezza in cucina apprendendo le giuste combinazioni per ricette dal gusto perfettamente bilanciato.

L’impasto di queste polpettine è nata dall’unione di cavolfiore, patata, carota, un pugno di riso integrale, pangrattato, timo, semi oleosi di zucca, lino e girasole. Quindi naturalmente gli ingredienti che trovate a seguire potete sostituirli. Anzi vi invito a farlo, con ciò che avete in casa mantenendo almeno una componente di patate e il pangrattato. Per il resto sentitevi liberi di sfogare tutto il vostro estro creativo con ciò che avete in casa.

Ingredienti per le polpette:

- una patata lessa

- 100 g di cavolfiore lessato

- una carota bollita 

- un cucchiaio di spinaci lessati

- tre cucchiai di riso integrale cotto

- due cucchiai di pangrattato

- un cucchiaio di semi misti oleosi di zucca, lino e girasole

- sale

- pepe

- una spolverata di timo

Ingredienti per il contorno:

- batate

- 250 g cavoletti di Bruxelles

- olio evo

- sale qb

- aneto qb

- pepe

Procedimento:

Procedete prima con il contorno che richiede tempi maggiori di cottura.

Incidete le batate senza arrivare al fondo, avvolgetele con della carta stagnola, cuocendole al cartoccio ed inseritele in una teglia rivestita da carta da forno.

Tagliate a metà i cavoletti di Bruxelles,

ed uniteli nella teglia con le batate.

Aggiungete un filo di olio a crudo,

un pizzico di sale e una spolverata di aneto o di altre erbe profumate che avete in casa.

Infornate a forno preriscaldato a 180 gradi per 35 minuti.

Procedete con l’impasto per le polpette.

Mischiate tutti gli ingredienti.

Schiacciateli con una forchetta creando una purea.

Aggiungete il pangrattato finchè l’impasto non avrà la giusta consistenza per creare delle polpette.

Inumiditevi le mani e formate delle palline.

Infornate per 20-25 minuti a forno preriscaldato a 180 gradi girando a metà cottura.

 

 

 

 

Polpettine vegetali ai semi misti

Cavoletti di Bruxelles e batata arancione


Involtini vegan di Verza con ripieno di riso integrale saltato con daikon, carote e zucchine

Ricetta Vegan

 

Ingredienti:

- verza riccia

- 150 g di riso integrale

- una zucchina

- un daikon

- due carote

- salsa teriyaki o di soia

- cipolla

- olio evo

- sale

 

Procedimento:

Scottate per pochi minuti le foglie esterne della verza.

Bollite il riso integrale, come da indicazioni e tempi riportati sulla vostra confezione.

Tagliate una cipolla a rondelle e fatela sfrigolare in padella con del buon olio extravergine di oliva. Se avete una pentola wok sarebbe l’ideale.

Aggiungete carote, daikon  e zucchine tagliate alla julienne.

E saltate tutto in padella per 5 minuti.

Aggiungete tre cucchiai di salsa teriyaki o salsa di soia. Lasciate e vaporare e al termine spegnete il fuoco.

Adagiate sulla foglia di verza il riso saltato e servite l’involtino caldo. Potete anche servire due involtini piccoli a persona.

 

Involtini vegan di Verza con ripieno di riso integrale saltato con daikon, carote e zucchine


Tris di Hummus di ceci, Barbabietola, carota e curcuma.

 

Ricetta Vegan

 

 

Ingredienti:

 

-  330 gr di ceci lessati

- un cucchiaio di succo di limone

- 80 ml di acqua calda

- uno spicchio di aglio

- un pizzico di sale

- 5 cucchiaino di tahina 

- un pizzico di paprika

- 29 g di barbabietola lessata

- una carota

- un cucchiaino di curcuma

 

Prodimento:

 

Pulite la corta e lessatela con poca acqua.

Mischiate i ceci lessati, il succo di limone, 80 ml dell‘acqua di cottura della carota, lo spicchio d’aglio, il sale, la salsa tahina e la paprika.

Passate tutti questi ingredienti creando una crema omogenea e versate il composto di hummus di ceci in tre diverse ciotole. 

In una ciotola unite la barbabietola e passatela con il minipimer insieme al resto dell’hummus donando un meraviglioso colore acceso rosa malva.

In un’altra ciotolina aggiungete la carota lessata ed un cucchiaino di curcuma.

Frullate il tutto così da avere tre ciotoline con diversi tipi di hummus.

Ideale per un antipasto da servire con piantine scottate, tacos, pane carasau o altro tipo di pane sottile e croccante.

 

 

Tris di Hummus

Maltagliati di kamut con ceci, curcuma e rosmarino

Ricetta Vegan 

 

Ingredienti:

- 400 g di ceci secchi

- una carota

- un gambo di sedano

- mezza alga nori

- aglio

- olio evo

- curcuma in polvere

- sale grosso

- rosmarino 

- finocchietto secco 

- alloro

 

Preparazione:

 

Lasciate i ceci in ammollo per almeno otto ore.

Inserite in una pentola i ceci con un litro e mezzo di acqua, aggiungete un pezzo di alga nori, una carota intera, il gambo di sedano intero, il rosmarino fresco, il finocchietto e l’alloro. Aggiustate di sale.

Lasciate cuocere girando di tanto in tanto per due ore.

Terminata la cottura, prendete parte dei ceci, circa un mestolo abbondante e passatelo con la carota, il sedano e un pò di brodo. Riponete la crema di ceci a parte e prendete una pentola dove andrete a far imbiondire uno spicchio di aglio con dell’olio extravergine.

Aggiungete i ceci non appena l’aglio inizia a sfrigolare, fateli un pò tostare ed allungateli con il loro brodo di cottura. Eliminate le foglie di alloro, l’aglio e il rosmarino.

Unite la crema di ceci e spolverate con della curcuma in polvere.

Lasciate cuocere per 7-8 minuti, giusto i tempo di cuocere la pasta.

A parte lessate in acqua poco salata i maltagliati, scolateli al dente e ripassateli per l’ultimo minuto di cottura insieme alla zuppa di ceci.

Servite il piatto caldo con un filo di olio extravergine da crudo.

 


Maltagliati di kamut con ceci, curcuma e rosmarino


Fettuccine di grano duro con ragù di legumi

Fettuccine di grano duro con ragù di legumi

Ricetta Vegan

 

Ingredienti per quattro persone:

- 300 g di fettuccine di grano duro

- spezzatino disidratato di legumi (o soia o Seitan)

- Sedano

- carota

- cipolla

- patata

- zucchina

- un bicchiere di vino bianco

- 1 litro di passata di pomodoro

- sale

- un pizzico di zucchero di canna mascobado

- sale

- olio evo

 

Procedimento:

Preparate un buon brodo vegetale facendo bollire per un’oretta una carota, una patata ed una zucchina. Rimuovete le verdure, che potrete anche utilizzare come contorno o mettere da parte per delle polpettine vegetali. Seguite le indicazioni quantitative nella confezione dei vostri legumi disidratati. Il procedimento è lo stesso anche per la soia e il Seitan disidratati quindi preparate il ragù con ciò che preferite. Solitamente bisogna bollire 100 g di prodotto disidratato in 300 ml di acqua, quindi per una confezione intera da 250 g di spezzatino disidratato dovrete farlo bollire e reidratare in 750 ml di brodo vegetale per circa 5 minuti. Terminata la cottura scolate lo spezzatino e strizzatelo per eliminare il brodo in eccesso.

Prendete una padella e preparate un soffritto con cipolla, sedano e carota. Aggiungete lo spezzatino, cuoceteli un minutino e fate sfumare con un bicchiere di vino bianco.

Unite la passate di pomoro, aggiustate di sale ed aggiungete un pizzico di zucchero di canna per eliminare l’acidità del pomodoro.

Io lo faccio sempre anche quando preparo del semplice sugo di pomodoro.

Lasciate cuocere per un’oretta a fuoco basso e coperto.

Lessate le fettuccine in acqua poco salata e scolatele al dente.

Saltatele con il ragù vegetale e servitele calde.

Questi ragù di carne conquistano non solo grandi e piccini ma anche vegani e non.

Per me è una gioia indescrivibile sentire mio figlio, a cui piace mangiare carne, quando mi chiede “mamma me lo fai oggi il ragù di Seitan?”


Lasagna Vegan funghi e piselli

Ricetta Vegan

 

Ingredienti:

- 200 g di fogli per lasagne di kamut

- 300 g di funghi champignons 

- pisellini primavera surgelati 500 g 

- mezzo bicchiere di vino bianco

- una carota

- sedano

- cipolla

- aglio

- olio evo

- sale

- pepe

 

Per la besciamella vegetale: 

 

- 500 ml di latte di riso

- 35 g di farina di kamut

- 30 ml di olio evo

- noce moscata

- sale

- pepe

 

Procedimento:

Prendete una pentola dal fondo alto e versate due cucchiai di olio extravergine d’oliva, fate soffriggere il soffritto misto di carota, sedano e cipolla.

Unite i piselli e copriteli con acqua aggiungendo un pizzico di sale.

In una padella a parte fate dorare l’aglio con un goccio di olio evo.

Non appena inizia a dorare unite i funghi champignons aggiustate di sale e fate sfumare mezzo bicchiere di vino bianco. Rimuovete l’aglio.

Lessate in acqua leggermente salata i fogli di pasta di kamut.

Scolateli al dente e metteteli in una ciotola con acqua fredda così da bloccare la cottura ed avere il tempo per preparare gli strati.

Per la besciamella inserite tutti gli ingredienti in un pentolino e con una frusta mescolate fino a raggiungere la giusta corposità evitando la formazione di grumi.

Prendete una teglia da forno non tanto grande e versate prima uno strato di besciamella sul fondo. Aggiungete i fogli di pasta kamut, i piselli, il funghi ripassati e versate altra besciamella. Proseguite a strati procedendo fino a ricoprire tutta la teglia. Spolverate la superficie con altra farina così da ottenere a fine cottura la crosticina.  Aggiungete un goccio di olio evo ed infornate a forno preriscaldato a 200 gradi per 15 minuti.

Proseguite la cottura in modalità grill per altri tre-quattro minuti.

Sfornate, impiattate e servite le lasagne calde.

Lasagna Vegan piselli e funghi


Jacket Potatoes ripiene di ceci croccanti alla curcuma

Jacket Potatoes ripiene di ceci croccanti alla curcuma

Ricetta Vegan

 

Ingredienti:

 

- due patate lesse 

- 150 g di ceci lessati

- foglie di spinacino fresco

- radicchio

- origano

- curcuma

- sale

- pepe

- cumino

- olio evo

 

Procedimento:

Il procedimento è davvero semplicissimo. 

Prendere due patate intere sciacquatele, asciugatele e infornatele per un ora in forno preriscaldato a 200 gradi.

In una terrina versate i ceci lessati, se sono confezionati abbiate cura di passarli prima sotto l’acqua corrente per eliminare le impurità.

Condite con un pizzico curcuma, sale, pepe, cumino, origano ed un cucchiaio di olio extravergine di oliva.

Tostate i ceci in una teglia rivestita da carta da forno per dieci minuti.

Estraete la teglia con i ceci dal forno e lasciate raffreddare in attesa che anche le patate si siano ammorbidite.

Scottate in acqua leggermente salata le foglie di spinacino e di radicchio per qualche minuto.

Controllate la cottura delle patate con uno stecchino.

Non appena saranno morbide sfornatele.

Incidete le patate nella parte superiore facendo pressione per aprirle.

Inserite qualche foglia di radicchio e di spinacino scottati.

Infine unite i ceci aromatizzati tostati.

Se volete potete accompagnarli ad una panna acida vegetale mischiando un vasetto di yogurt semplice di soia con un cucchiaino di olio, sale e pepe.

La panna acida potete anche versarla direttamente sopra le patate o servire a parte.

 


Frittata di farina di ceci con porri e patate servita con puré di topinambur

Frittata di farina di ceci con porri e patate servita con puré di topinambur

Molti vegani per sostituire le uova utilizzano la farina di ceci per creare delle frittatine di verdure. Potete sbizzarrirvi quanto volete inserendo ciò che più vi piace. Sono davvero delziose.

 

Ricetta Vegan

 

Ingredienti:

- un porro

- una patata di media grandezza già lessata

- 250 g di farina di ceci

- 750 ml di acqua

- asparagi

- 500 g di topinambur

- un bicchiere di latte di riso

- sale

- pepe

- olio evo

 

Procedimento:

Pulite il porro. Eliminate le parti nelle estemità laterali e le foglie più esterne.

Tagliate due terzi del porro a rondelle e saltatelo in padella con la patata lessa tagliata ed un goccio olio evo.

Non appena il porro sarà ammorbidito spegnete il fuoco.

In una terrina versate 250 g di farina di ceci e allungate con il triplo di acqua. Il rapporto è sempre 1:3. Aggiungete quindi 750 ml di acqua. Unite 35 ml di olio extravergine e un pizzico di sale.

Girate con una frusta affinchè non si formino grumi.

Versate anche i porri saltati ed inserite il composto liquido in una teglia rivestita da carta da forno delle dimensioni di un A5 circa (metà A4).

Infornate a 180 gradi per un’ora.

Prendete adesso un’altra padella per preparare il purè di topinambur.

Pulite il topinambur e tagliatelo a pezzetti.

Saltatelo in padella con il porro rimasto tagliato a rondelle e dell’olio evo. Aggiustate di sale.

Attendete un paio di minuti ed allungate con il latte vegetale.

Non appena il topinambur si sarà ammorbidito, passate il composto con minipimer creando una purea.

Prendete gli asparagi, rimuovete parte della base e scottateli 7-8 minuti in acqua bollente poco salata lasciandoli croccanti.

Adesso potete pensare all’impiattamento. Disponete tre asparagi sul fondo del piatto, adagiate sopra agli asparagi un quadrotto di frittata di porri e patate e in cima versate un pò di purè di topinambur.

Terminate con un filo di olio extravergine di oliva.

 


Vegan burger di patate carote e piselli

Vegan Burger di patate, carote e piselli

Questi hamburger vi conquisteranno. Sono davvero buonissimi e gustosi. Mantenendo la patata di base potete prepararli con qualsiasi altra verdura che vi trovate in frigo. A me avanzava una mezza porzione di piselli che avevo preparato la sera prima e con l’aggiunta di un paio di patate ed una carota il gioco è fatto. Sono davvero semplici e leggeri. Anche per chi è alle prime armi in cucina e senza tanti sforzi desidera preparare un hamburger 100% vegetale con verdure di stagione che non sia confezionato e pieno di conservanti. Questa ricetta ha pochissimi ingredienti sani e super low cost. L’elaborazione è veloce ed immediata. Quindi sbizzarritevi con quello che avete in casa e largo alla creatività. Naturalmente se siete affamati potete anche pensare di inserire l’hamburger vegetale in un panino aggiungendo delle sottilette di formaggio vegetale e della lattuga.

 

Ricetta Vegan

 

Ingredienti per sei hamburger:

- due patate grandi

-  una carota

- due cucchiai di piselli precedentemente fatti in casa

- sale  

- due cucchiai di pangrattato

 

Procedimento:

Lessate le patate sbucciate e le carote in acqua bollente leggermente salata.

Una volta che le patate si sono ammorbidite scolatele insieme alla carote e fatele raffreddare in una terrina.

Schiaccetele con una forchetta fino a creare una purea.

Aggiungete un pizzico di sale e se vi piacciono spezie come curcuma o pepe.

Aggiungete i piselli e due cucchiai pieni di pan grattato.

Mischiate bene gli ingredienti fino a creare la giusta corposità.

Se il composto risulta poco solido aggiungete altro pangrattato, altrimenti se è troppo secco un goccino di acqua o latte vegetale.

Aiutandovi con una coppapasta inserite la purea all’interno creando degli hamburger.

Disponeteli su una teglia con della carta da forno e infornate a 200 gradi per almeno venti minuti. Trascorsi i venti minuti girateli accertandovi che non siano troppo morbidi e lasciate cuocere l’altro lato per altri cinque minuti.

Sfornateli e serviteli caldi.

 


Lasagna Vegan di kamut con broccoli, besciamella di latte di mandorla e pinoli

Ricetta Vegan

 

Ingredienti:

- 200 g di fogli per lasagne di kamut

- 300 g di broccoli

- mozzarella vegetale

- olio 

- sale

- pepe

per la besciamella vegetale:

- 500 ml di latte di mandorla

- 35 g di farina di kamut

- 30 ml di olio evo

- noce moscata 

- sale 

- pepe

 

Procedimento:

Lessate in acqua leggermente salata i fogli di pasta di kamut.

Mettete nel frattempo in acqua bollente i broccoli e scolateli al dente.

Ripassateli in padella con olio, se volete aglio e peperoncino.

Spadellate velocemente per mantenere tempi rapidi di cottura che aiutano a mantenere un bel colore vivo e vivace delle verdure e a preservare la croccantezza. Togliete i broccoli dalla padella, passateli velocemente con un minipimer senza aggiungere liquidi, solo per dare un consistenza meno solida e più cremosa.

Per la besciamella inserite tutti gli ingredienti in un pentolino e con una frusta mescolate fino a raggiungere la giusta corposità.

Prendete una teglia da forno non tanto grande e versate prima uno strato di besciamella sul fondo. Aggiungete i fogli di pasta kamut, i broccoli ripassati, la mozzarella vegetale tagliata a fettine e ancora altra besciamella. Proseguite a strati procedendo fino a ricoprire tutta la teglia.

Aggiungete un goccio di olio evo ed infornate a forno preriscaldato a 200 gradi per 15 minuti.

Sfornate, impiattate e servite le lasagne calde.

 

 


Pici senesi con pachino, ricotta vegetale, rucola e granella di pistacchio

Pici Senesi con pachino, rucola, ricotta vegetale e granella di Pistacchio

Ricetta Vegan

 

Per tutti quelli che mi domandano “Ma cosa mangiate voi vegani???”. Vorrei tranquillizzarvi. Ecco non bruchiamo l’erba. Questo è un primo cremoso, delicato, gustosissimo e naturalmente 100% Vegan.

 

Ingredienti per due:

 

- 250 g di peci senesi freschi

- pomodori pachino

- una confezione da 75 g di ricotta vegetale

- pistacchi sgusciati 40 g 

- un mazzetto di rucola fresca

- aglio

- sale

- pepe

- olio evo

 

Procedimento:

Bollite i pici in acqua leggermente salata.

In una palella rosolate uno spicchio d’aglio. Non appena inizia a dorarsi, rimuovetelo e fate saltare per qualche minuto i pomodori pachino tagliati a metà con olio evo e un pizzico di sale.

Non appena i tempi di cottura dei pici sono terminati, scolateli e ripassateli in padella con i pachino.

Aggiungete la ricotta vegetale fresca, le foglie di rucola sminuzzate e aggiustate di pepe.

Versate a filo un goccio di olio evo a crudo.

Impiattate e per ultimo sul piatto versate la granella di pistacchio.

Buon appetito cari amici Vegan e non

 


Involtini di carta di riso ripieni di verdure e riso integrale salsa allo yogurt di soia

Involtini di carta di riso con verdure e riso integrale

Ricetta Vegan

 

Ingredienti per due persone:

- 6 fogli di carta di riso

- 2 carote 

- 4 cavoletti di Bruxelles 

- un cucchiaio di alghe wakame

- 40 g di riso integrale

Ingredienti per la salsa allo yogurt di soia:

- 3 cucchiai di yogurt di soia neutro

- un cucchiaio di salsa di soia

- un cucchiaino di olio extravergine 

 

Procedimento:

Lessare in acqua poco salata il riso integrale.

Scolatelo al dente in base ai tempi riportati sulla vs confezione e lasciate freddare a temperatura ambiente. 

In un pentolino lessate le alghe, i cavoletti e le carote tagliate a bastoncini.

Spegnete il fuoco appena i cavoletti saranno morbidi ma ancora di un bel verde brillante. 

Togliete le verdure con una schiumaiola tenendo il brodo caldo da parte. 

Versate un mestolo di brodo in un piatto piano.

Ammorbidite i fogli di carta di riso stendendoli uno alla volta sul piatto.

Dopo trenta secondi il foglio si sarà ammorbidito.

Prendetelo con delicatezza e stendetelo su un piano di legno asciutto.

Il foglio di carta di riso ha solitamente una forma circolare.

Versate al centro un cucchiaino di riso integrale. Aggiungete per ogni involtino un cavoletto di Bruxelles tagliato a fettine ed un bastoncino di carota in pezzi da tre-quattro cm.

Aggiungete un pezzetto di alga.

Chiudete i lembi dell’involtino come fosse un fazzoletto.

Piegate verso di voi prima le parti laterali e poi quella inferiore e superiore.

Rigirate l’involtino in modo da non visionare i lembi piegati che resteranno sotto, ma permettendo di vedere le verdure ed il riso in trasparenza come da foto.

Procedete nello stesso metodo per altri 5 involtini.

Per la salsa sbattete lo yogurt di soia, la salsa di soia e l’olio e versatela sopra gli involtini.

Tenete la salsa in frigo fino al momento in cui sarete pronti per servire.


Sushi di riso integrale con mango e kiwi

Sushi di riso integrale con mango e kiwi

Ricetta Vegan

 

Ingredienti per il riso:

- 500 ml di riso integrale per sushi

- 700 ml di acqua 

- una striscia di alga nori larga 1 cm

- 150 ml di aceto di riso

- 30 g di zucchero di canna

- un pizzico di sale

Ingredienti sushi:

- alghe nori

- 80 g di mango maturo

- un kiwi

 

Procedimento:

Per prima cosa dovrete preparare il riso.

Lavate bene il riso sotto acqua corrente fino ad ottenere un'acqua limpida.

Mettete il riso in una pentola larga e ricopritelo con l'acqua.

Tagliate una striscia di alga kombu, aggiungetela al riso e coprite con un coperchio.

Portate a bollore.

Non aprite il coperchio finchè non sentirete il rumore del bollore.

Nel frattempo che attendete il bollore preparate il condimento.

In un pentolino versate l'aceto di riso con lo zucchero e il pizzico di sale.

Scaldate fino a sciogliere lo zucchero senza arrivare a bollore.

Non appena il riso inizierà a bollire nell’altra pentola, togliete con una pinza l'alga, che nel frattempo avrà rilasciato tutte le sue proprietà benefiche.

Lasciate bollire a fuoco medio il riso coperto cuocendo per 5 minuti.

Tenete sempre il riso coperto con il coperchio durante la cottura.

Terminati i primi 5 minuti abbassate il fuoco e proseguite la cottura per altri 10 minuti a fuoco basso.

Spegnete il fuoco e lasciate riposare il riso per altri 10 minuti sempre coperto.

Aiutatevi con un timer per stare dietro ai tempi che complessivamente saranno di 25 minuti di cottura. 

Versate il riso nell'hangiri (o altra valida alternativa come una ciotola in ceramica) e con una paletta piatta di legno, versate il condimento di aceto di riso e zucchero distribuendolo bene.

Mentre girate, sventolate con un ventaglio per farlo raffreddare il prima possibile.

Una mia cara amica giapponese, mi ha suggerito per far prima d'inverno, di girare il riso vicino ad una finestra aperta.

Una volta che il riso avrà raggiunto la temperatura ambiente, potrete iniziare a preparare il sushi.

Tenete il riso sempre coperto con una panno pulito precedentemente bagnato e strizzato.

In questo modo il riso non si seccherà durante i tempi di preparazione.

Prima di iniziare ad arrotolare preparatevi tutti gli ingredienti a portata di mano. 

Tagliate a bastoncini sia il mango che il kiwi.

Disponete le alghe nori con la parte lucida sul fondo.

Versate sull’alga 2-3 cucchiai di riso e appiattitelo in maniera uniforme. Lasciate qualche cm vuoto solo lungo i lati dell’alga.

Questo vi consentirà nel momento in cui andrete ad arrotolare di non far fuoriuscire il riso.

Aggiungete gli ingredienti stendendoli in lunghezza sopra al riso come da immagini fotografiche riportate in basso.

Inserite il mango ed il kiwi tagliati a bastoncini disponendoli in lunghezza vicini.

Adesso con molta delicatezza, arrotolate l'alga cercando di tenerla ben stretta e salda.

Una volta creato il rotolo riponetelo per un'oretta in frigo, avvolto dal cellophane.

Successivamente tagliatelo a fettine di 2 cm l'una con un coltello affilato da chef.

Prima di affettare con il coltello bagnate la lama nell’acqua acidula (acqua e un cucchiaio di aceto di riso)

Servite il sushi con salsa di soia, zenzero e wasabi.

I vostri figli adoreranno preparare il sushi insieme a voi.

La preparazione del sushi, oltre ad essere divertente è molto più semplice di ciò che si possa pensare.

Ed inoltre i piccoli saranno anche un valido aiuto!


Sushi integrale Vegan   1. sushi con avocado, formaggio spalmabile vegetale e noci. 2. sushi con avocado e tamago (omelette dolce giapponese)

Sushi integrale Vegetariano con avocado, Philadelphia e noci

 Ricetta Vegan e Vegetariana

 

Questo Natale uno dei regali che più ho gradito è stato un cesto con prodotti giapponesi e utensili per la preparazione di sushi ed altri piatti tipici orientali.

Mi sto infatti sbizzarrendo ed ogni volta mi piace propormi traguardi sempre più difficili.

Il mio obiettivo è ricreare piatti giapponesi, nel rispetto della loro cucina tradizionale ma ideando ricette che si avvicinano ai miei gusti personali. Per questo ho utilizzato del riso integrale.

Con gli ingredienti sotto riportati otterrete due rotoli di sushi.

Ho preparato entrambi con riso integrale il primo vegano ed il secondo vegetariano, ma è possibile avere anche la variante vegetariana del primo, inserendo della Philadelphia o del latte vaccino al posto di quello vegetale.

Il riso che otterrete vi basterà per entrambi rotoli.

Nel primo rotolo ho inserito dell'avocado maturo, philadelphia e noci.

Mentre nel secondo avocado e tamago, la tipica omelette giapponese dolce con salsa di soia.

Ingredienti per il riso:

- 200 g riso tondo piccolo integrale

- 80 ml aceto di riso 

- due cucchiai di zucchero di canna

- alga kombu

- 400 ml acqua

- un cucchiaio di sesamo nero

 

Ingredienti per rotolo 1:

- alga nori

- mezzo avocado maturo

- un cucchiao di philadenphia

- 3 noci

 

Ingredienti per rotolo 2:

- alga nori

- 1 uovo

- un cucchiaino di soia

 - un cucchiaio di zucchero di canna

 

Procedimento:

Per prima cosa dovrete preparare il riso.

Lavate bene il riso sotto acqua corrente fino ad ottenere un'acqua limpida.

Mettete il riso in una pentola larga e ricopritelo a filo con l'acqua.

Aggiungete un pezzetto di alga kombu e coprite con un coperchio.

Portate a bollore.

Non aprite il coperchio finchè non sentirete il rumore del bollore.

Nel frattempo che attendete il bollore preparate il condimento.

In un pentolino versate l'aceto di riso con lo zucchero e scaldate fino a sciogliere lo zucchero.

Non appena il riso inizierà a bollire, togliete con una pinza l'alga, che nel frattempo avrà rilasciato tutte le sue proprietà benefiche.

Lasciate bollire a fuoco medio il riso coperto cuocendo per 5 minuti.

Tenete sempre il riso coperto con il coperchio durante la cottura.

Terminati i primi 5 minuti abbassate il fuoco e proseguite la cottura per altri 10 minuti a fuoco basso.

Spegnete il fuoco e lasciate riposare il riso per altri 10 minuti sempre coperto.

Aiutatevi con un timer per stare dietro ai tempi che complessivamente saranno di 25 minuti di cottura.

Adesso potete trasferire il riso in una ciotola larga di legno o ceramica (l'importante è che non sia di metallo). L'ideale sarebbe avere l'hangiri in legno.

Io, l'hangiri, l'ho messo in cima alla mia lista dei desideri per i prossimi acquisti.

Lo trovate anche on line con una fascia di prezzo che va dai 20 ai 600 euro in base alla qualità del legno.

Versate il riso nell'hangiri (o altra valida alternativa) e con una paletta piatta di legno , versate il condimento di aceto di riso e zucchero.

Aggiungete anche i semi di sesamo nero e mescolate.

Mentre girate, sventolate con un ventaglio per farlo raffreddare il prima possibile.

Una mia cara amica giapponese, Arisa, mi ha suggerito per far prima d'inverno, di girare il riso vicino ad una finestra aperta.

Una volta che il riso avrà raggiunto la temperatura ambiente, potrete iniziare a preparare il sushi.

Tenete il riso sempre coperto con una panno pulito e abbastanza umido per non farlo seccare mentre preparate il sushi.

Prima di iniziare con la preparazione organizzate il vostro piano di lavoro.

Pulite l'avocado e tagliatelo a bastoncini.

Mettete vicino a voi una ciotolina con acqua acidulata con un cucchiaio di aceto di riso.

Il riso per il sushi è molto appiccicoso e vi sarà utile bagnarvi le mani di tanto in tanto per procedere.

Stendete l'alga nori e versateci sopra metà del riso che avete riposto.

La parte lucida dell'alga dovrà rimanere sotto mentre l'altra parte verso di voi,

Cercate di stendere il riso in maniera omogenea lasciando 2 cm di spazio nella parte laterale.

Questo vi consentirà nel momento in cui andrete ad arrotolare di non far fuoriuscire il riso.

Aggiungete gli ingredienti stendendoli in lunghezza sopra al riso come da immagini fotografiche riportate.

Inserite l'avocado tagliato a bastoncini e spalmate la philadelphia stendendola in lunghezza a fianco all'avocado.

Sbriciolate sopra la philadenphia le noci.

Adesso con molta delicatezza, arrotolate l'alga cercando di tenerla ben salda.

Una volta creato il rotolo riponetelo per un'oretta in frigo, avvolto dal cellophane.

Successivamente tagliatelo a fettine di 2 cm l'una con un coltello affilato da chef, precedentemente bagnato nell'acqua acidula.

Per il secondo rotolo dovrete procedere nello stesso modo.

Dovrete quindi mettere all'interno il tamago (omelette dolce giapponese) al posto della philadelphia e noci.

Per preparare il tomago per un rotolo vi basterà un solo uovo.

Sbattetelo insieme ad un cucchiaio di zucchero e ad un cucchiaino di salsa di soia.

Io utilizzo una padella piccola rettangolare che mi hanno portato dal Giappone ma potete farlo anche con una padellina classica tonda antiaderente.

Versate il composto di uovo sulla padellina bollente.

Una volta che la base dell'omelette si è cotta, invece di girarla, dovrete arrotolarla su se stessa.

In questo modo otterrete un cilindro di frittata che potrete inserire all'interno del sushi con il resto degli ingredienti.

Continuate procedendo come riportato per il rotolo 1.

Adagiate quindi l'alga nori con il riso disposto in maniera uniforme.

Inserite quindi sopra al riso, il tamago e l'avocado tagliato a bastoncini.

Arrotolate saldamente gli ingredienti nell'alga nori e fate riposare in frigo.

Servite e accompagnate con salsa wasabi e zenzero sott'aceto.

Sushi integrale vegetariano con avocado e tamago (omelette giapponese)


Risotto integrale al Barolo con barbabietola rossa, pere e feta veg

Risotto integrale al Barolo con barbabietola rossa, pere e feta

Ricetta Vegan

 

Ingredienti per 4:

- 200 g di riso integrale tondo

- un bicchiere di Barolo

- 2 scalogni

- 500 ml brodo vegetale

- 50 g feta vegetale

- parmigiano 4 cucchiai

- mezza pera

- 2 cucchiai di olio evo 

- sale qb

 

Procedimento:

Versate in una padella dai bordi alti due cucchiai di olio extravergine di oliva.

Rosolate lo scalogno sminuzzato.

Versate il riso e tostatelo un paio di minuti.

Sfumate con il vino rosso.

Non appena il vino è evaporato, allungate versando un pò per volta il brodo vegetale precedentemente preparato.

Continuate per trenta minuti girando il risotto con un cucchiaio di legno e allungando il brodo a mano a mano che si ritira il brodo.

Non appena il riso è cotto versate mezza pera tagliata a cubetti piccoli e spegente il fuoco.

Chiudete il coperchio.

La pera si ammorbidirà con il calore del riso anche a fuoco spento.

In questo modo rimarrà fresca e croccante.

Non appena siete pronti a servire, versate il riso aiutandovi con un coppapasta per dare una forma cilindrica e compatta.

Sbriciolate sulla superficie superiore del riso un pò di feta.

Prendete una padella antiaderente.

Appena sarà calda, versate un cucchiaio di parmigiano.

Non lo stendete ma lasciatelo sciogliere per due minuti.

Non appena inizierà a fare delle bollicine giratelo per dorarlo da entrambi i lati.

Una volta dorato, toglietelo dalla padella.

Fate attenzione a non romperlo, aiutandovi con una spatola.

Quando si sarà raffreddato avrà una consistenza abbastanza solida simile ad un ventaglio aperto,

Servite il risotto adagiando il ventaglio di parmigiano in cima con una fettina sottile di pera arrotolata.


Rotolini di zucchine grigliate ripiene di riso integrale e sesamo nero con pomodorini pachino e formaggio spalmabile veg

Rotolini di zucchine grigliate ripiene di riso integrale e sesamo nero con pomodorini pachino e formaggio spalmabile veg

Ricetta Vegan

 

Ingredienti per due persone (3 rotolini a persona):

- 150 g di riso tondo integrale

- due zucchine

- 4 pomodorini pachino

- 50 g di formaggio spalmabile veg

- un cucchiaio di sesamo nero

- aceto di riso

 

Procedimento:

Cuocete il riso secondo il metodo orientale.

Mettete quindi a bollire il riso in acqua poco salata pari al doppio del suo volume.

Spegnete il fuoco qualche minuto prima e chiudete con il coperchio. 

In questo modo il riso proseguirà la cottura, lasciando un po’ di liquido di cottura che renderà il riso più compatto.

Nel frattempo pulite e tagliate le zucchine sottili. Grigliatele qualche minuto in una padella antiaderente.

Prendete una ciotola e versate un cucchiaio di sesamo nero e un cucchiaio di aceto di riso.

Aggiungete il riso integrale e mischiate bene.

In un piatto versate un cucchiaio del composto ottenuto con riso e sesamo. Circondate il riso versato con una zucchina grigliata. Aggiungete un altro pò di riso e appiattite in superficie con il dorso del cucchiaio.

Il riso non dovrà superare in altezza il bordo della zucchina, ma risultare molto compatto all’interno.

Aggiungete in cima una fettina di pomodorino pachino e una punta di formaggio veg.

Una volta preparati tutti i rotolini conservate in frigo almeno un’ora prima di servire.


Cous cous integrale agrodolce con mirtilli, melograno, menta e cannella

Cous cous integrale agrodolce con mirtilli, melograno, menta e cannella

Ricetta Vegan

 

Ingredienti per due:

- due bicchieri di cous cous integrale

- un bicchiere di acqua fredda

- un bicchiere di spremuta d'arancia

- un cucchiaio di miele

- metà melograno

- un cucchiaino di cannella in polvere

- 20 mirtilli

- 10 foglie di menta fresca

 

Procedimento:

Mischiate il succo d'arancia con l'acqua, la cannella e il miele.

Versate il composto in una ciotola grande con dentro il cous cous.

Dopo 20 minuti il cous cous si sarà lessato e gonfiato. E avrà assorbito l'aroma dolce e fresco del liquido versato. Sgranate i chicchi con una forchetta.

Lavate i mirtilli e aggiungeteli al cous cous insieme ai chicchi di melograno e alle foglie di menta.

Mischiate bene e servite.


Crema di broccoli con fiocchi di farro, semi misti e formaggio stagionato veg di riso

Crema di broccoli con fiocchi di farro, semi misti e formaggio stagionato veg di riso

Ricetta Vegan

 

Questa crema di broccoli è strepitosa.

Leggera e buonissima. Non necessariamente da mangiare calda ma anche a temperatura ambiente. Se utilizzerete il barattolo in vetro risulterà ancora più gradevole e ne mangerete con talmente gusto da ripulire perfettamente il brattolo soltanto con il vostro cucchiaio.

 

Ingredienti per due persone:

- 300 g di broccoli

- una patata

- olio evo

- un pizzico di sale

-una grattuggiata di stagionato veg di riso

- fiocchi di farro

- semi misti di girasole e lino

- 400 ml brodo vegetale

 

Preparazione:

In una padella antiaderente, scottale i broccoli tagliati a pezzetti, con un filo di olio, un pizzico di sale e un bicchiere di acqua.

Nel frattempo pelate le patate e tagliatele a fettine, più saranno sottili e più sarà rapida la cottura.

Aggingetele in padella con i broccoli, allungate con il brodo vegetale e chiudete con un coperchio.

Non appena le patate saranno ammorbidite, orientativamente dopo 20-25 minuti ( dipende dallo spessore delle vostre patate) spegnete il fuoco e lasciate raffreddare.

Quando la crema di broccoli avrà raggiunto la temperatura ambiente, passate il minipimer finchè non otterrete un composto lisco ed omogeneo.

Versate ogni porzione di crema in un barattolo di vetro, aggiungete un cucchiaino di olio a crudo.

Spolverate la superfichie con i fiocchi di farro o quelli di avena che sono più reperibili vanno benissimo.

Aggiungete un pizzico di semi misti e scaglie di formaggio veg.


Polpette di quinoa, broccoli e noci con panna acida veg

Polpette di quinoa, broccoli e noci con panna acida veg

Ricetta Vegan

 

Ingredienti per 4 persone:

- 250 g di quinoa

- 200 g di broccoli

- sale

- 4 cucchiai di pangrattato integrale 

- 8 noci

- 2 cucchiai di olio evo

- due scalogni

Ingredienti per la panna acida:

- 125 ml di yogurt veg di riso o soia

- un limone

- un pizzico di sale

 

Procedimento:

Lessate la quinoa con il doppio dell'acqua rispetto al suo peso.

Aggiungete un pizzico di sale.

Seguite i tempi di cottura riportati sulla vostra confezione e scolate al dente.

Sbollentate il broccolo con una pentola dai bordi alti e due dita di acqua.

Cuoceteli coperti per 8-10 minuti.

Appena sono ammorbiditi ma ancora croccanti e di un bel verde intenso, toglieteli dalla pentola e lasciateli su un piatto a raffreddare.

Prendete una padella antiaderente, tagliate lo scalogno a rondelle e fatelo dorare con due cucchiai di olio.

Appena inizia a rosolare aggiungete i broccoli e saltateli per un paio di minuti.

Versate il contenuto dei broccoli ripassati in un robot da cucina e aggiungete le noci. Frullate per 10 secondi per ridurre tutti i pezzi in una purea omogenea.

Prendete una ciotola ed inserite la purea di broccoli con la quinoa lessata e tre cucchiai di pangrattato integrale.

Mischiate bene e formate delle palline.

Disponete le polpette in una teglia foderata con carta da forno ed infornate a 180 gradi per 20-25 minuti. Girate a metà cottura.

Attendete che si raffreddino per servire e accompagnatele con una panna acida allo yogurt veg.

Per la panna acida basterà montare lo yogurt magro con un cucchiaio di succo di limone ed un pizzico di sale.

La panna dovrà riposare almeno un'ora in frigo prima di essere servita.

Organizzatevi quindi in tempo e preparatela in anticipo. 


Tagliatelle di farro ai funghi e nocciole

Tagliatelle di farro ai funghi e nocciole

Ricetta Vegan

 

Ingredienti per due persone:

- 250 g di fettuccine secche di farro

- 300 g di funghi porcini surgelati

- 5 nocciole

- 1 spicchio di aglio

- rosmarino

- salvia

- erba cipollina

- sale 

-olio evo 

- mezzo bicchiere di vino bianco

 

Procedimento:

Prendete uno spicchio di aglio e doratelo in padella con un goccio di olio evo. Aggiungete i funghi con un pizzico di sale.

Allungate con mezzo bicchiere di vino bianco.

Aggiungete gli odori e fate cuocere per 6-7 minuti finchè i funghi saranno morbidi e il vino si sarà assorbito.

In una pentola mettete a bollire acqua poco salata. Attendete il bollore e buttate le tagliatelle, Lasciatele cuocere in base ai tempi di cottura riportati sulla vs confezione.

Scolate le tagliatelle al dente e saltatele in padella con i funghi,

Servite con in cima la granella di nocciola.


Insalata di cavolo crudo, carote viola, castagne, nocciole e bacche di goji

Insalata di cavolo crudo, carote viola, castagne, nocciole e bacche di goji

Ricetta Vegan

Un’insalata leggera e croccante per un pranzo sano e veloce.

Ingredienti:

- un cavolfiore piccolo

- due carote viola

- 10 bacche di goji

- 6 castagne

- 10 nocciole

- olio evo

- aceto balsamico

Procedimento:

Pulite bene il cavolo e tagliatelo a fettine molto sottili. E’ molto friabile quindi tagliandolo sottilmente si sgranella da solo in pezzi piccoli.

Aggiungere le castagne precedentemente lessate, le bacche di goji precedentemente ammorbidite in acqua tiepida per almeno mezz’ora, le nocciole intere, e le carote crude tagliate finemente.

Condite con olio evo e aceto balsamico.